La Grande Guerra continua sotto mentite spoglie

 
Trascorsero anni dalla fine dei tormenti, 
Ingiuste bombe dovesti maneggiare
e del fronte conservasti tristi sentimenti.
Nulla dimenticasti e ai tuoi figli e nipoti 
gli orrori della Grande Guerra nascondesti
Niente era più come prima
anzi ne seguì un altro di conflitto mondiale e tu 
nuovamente in viaggio ti mettesti 
Dei tanti tuoi amici restò solo il ricordo 
perché l’anima e il corpo 
alla Patria andarono a immolare.
Caro nonno mio
innumerevoli furono i conflitti
silenziosi e dimenticati 
che seguirono
Infinite le vittime, 
molteplici i soprusi
Indicibili il numeri dei caduti
Oggi si chiama Isis, Fame, Povertà,
Femminicidio, Pedofilia, Oro,
Diamanti e Inquinamento
La Grande Guerra 
è ancora un tormento
e miete le sue vittime spregiudicata 
cambiando d’abito e nome 
a seconda dei luoghi 
della nostra Madre Terra 
Anna Rochira
 
 
 
 
 
 
 
 
Precedente XXVII Edizione di Estate Azzurra: i ragazzi del C.O.G.E. soddisfatti per il grande successo ottenuto Successivo Il meraviglioso mondo dell'artigianato